walterfalgio.it
Dall’Encyclopédie all’eBook. Il peso del libro dalla carta al Pdf
(20 marzo 2012) Il libro, dalla carta al digitale, è il tema dell'incontro che si terrà giovedì 22, alla Libreria Murru di Cagliari (via San Benedetto 12 C) ore 18,30. In occasione della presentazione del mio saggio, Libro e Università nella Sardegna del '700, (AM&D edizioni) interverranno l'epistemologo, Vinicio Busacchi, e lo storico Stefano Pira. Il passaggio dai supporti di lettura cartacei a quelli digitali, argomento al centro di un dibattito planetario, è una tematica affrontata anche dagli storici del libro e dagli epistemologi. Importanti riflessioni sono state proposte, per esempio, da Roger Chartier, autorevole studioso del Collège de France. La rivoluzione digitale tuttora in corso che sta trasformando radicalmente l'approccio dell'uomo alla lettura e allo scritto - spiega Chartier - rimette in discussione tutta la storia del libro dalle origini e, per la prima volta, impone nella vita quotidiana strumenti nuovi (dal Pc al tablet) attraverso i quali trattare contenuti culturali ora immateriali. Questa trasformazione dagli esiti ancora sconosciuti muterà inevitabilmente modi, tempi, e qualità delle dinamiche di acquisizione del sapere.

La discussione sul libro digitale, che certamente lascia aperti molti interrogativi, si trasferisce quindi sul terreno di un'altra grande rivoluzione della lettura, quella della fine del Settecento, quando il libro e soprattutto il romanzo fecero irruzione nelle abitudini di migliaia di persone appartenenti ai ceti popolari. «Viaggiatori tedeschi riferivano, già dalla metà del XVIII secolo, di un'immensa trasformazione delle abitudini di lettura: in Inghilterra gli operai che lavoravano alla copertura dei tetti si facevano portare il giornale sul posto durante le pause per il pranzo», osserva lo storico tedesco Reinhard Wittmann.

Questo sconvolgimento culturale e sociale dell'età Moderna ebbe effetti anche in Sardegna? A questa domanda cerca di rispondere infine la mia ricerca, con la quale, attraverso un'indagine storica d'archivio, ho ricostruito la composizione e la qualità di una serie di importanti biblioteche private appartenute, tra la fine del XVIII e gli albori del XIX secolo, a esponenti sardi dell'aristocrazia, della borghesia e dell'alto clero. Non è infrequente scoprire tra gli inventari delle biblioteche sarde titoli di autori universali e grandi maestri del pensiero, da Muratori a Beccaria, da Voltaire a Quesnay, da Adam Smith a Filangieri, che dimostrano anche come l'isola recepisse, attraverso il libro, stimoli e dibattiti della cultura illuminista.

(walter falgio)

Servizio di Mssimiliano Lasio su Sardegna Quotidiano 22 marzo 2012



Inserisci un commento
Nome:
Email:
La tua email non sarà pubblicata
Commento:
  Il tuo commento sarà visibile solo dopo essere stato approvato.
Condividi:
Altri articoli
Interventi
La storia rimossa dei bibelforscher, i testimoni di Geova perseguitati dal nazismo
(30 gennaio 2021) Claudio Vercelli, torinese, docente di storia dell'ebraismo all'università Cattolica di Milano, studioso dell'Europa contemporanea, dei totalitarismi novecenteschi e del Medio O...
Interventi
Geppe e il suo fiume
(29 luglio 2020) Il fiume Panaro bagna Spilamberto e quelle pietre accanto alla foto di Nino Garau e sopra la sua bara provengono dalle sue sponde. Le ha portate a Cagliari il 16 luglio Umberto Costan...
Interventi
Ciao Nino
(12 luglio 2020) Il comandante partigiano Nino Garau, nome di battaglia Geppe, è morto questa sera, 12 luglio, nella sua casa di Cagliari. Avrebbe compiuto 97 anni il prossimo 12 dicembre. Ci l...

© 2021 Tutti i contenuti di questo sito sono di proprietà di Walter Falgio
Powered by Cristianomattana.it
Licenza Creative Commons
Quest'opera é distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.