walterfalgio.it
Particolare della
Particolare della "Neptune", ricostruzione di un galeone del 1600
Quando il corsaro Barbarossa imperversava in terra e mare
L'Unione Sarda - Domenica, 17 Settembre 2006

Barbarossa in una immagine del XVI secolo

Il 18 agosto 1598 la Santa Maria Bonaventura salpò dal porto di Cagliari diretta a Tortolì per caricare 350 quintali di formaggio. Era una piccola nave a vela e a remi chiamata dagli spagnoli saetia. Una “saetta” dalle dimensioni ridotte per guadagnare in velocità e agilità nel caso di approdi difficili. Alla fine del Cinquecento, in Sardegna e con una simile imbarcazione, era meglio prendere il largo in primavera o d’estate. Il periodo era decisamente più favorevole alla navigazione e, nel malaugurato caso di un’incursione di pirati o corsari, sarebbe stato più facile cambiare rotta. Nicolao Pintor, il proprietario della saetta, aveva preso tutte le precauzioni per evitare il peggio. Peccato che fosse tutto inutile. Alla fonda vicino a Serpentara, nascosti e in attesa della piccola nave sarda, c’erano i corsari moreschi, coltello tra i denti e sciabola sfoderata. Fu razzia. La storia della Santa Maria Bonaventura e del suo tragico destino l’ha ricostruita Daniele Vacca, giovane studioso della Sardegna spagnola, nella sua tesi di dottorato discussa recentemente all’Università di Cagliari.

Tutti i particolari sulla vicenda riemergono dal fondo “Regia amministrazione delle torri” custodito nell’Archivio di Stato di Cagliari. «Dopo la partenza della detta sagetia dal porto di Cagliari, per caricare nel porto di Tortolì i detti e altri formaggi, è stata svaligiata da due galeote di mori», si legge in uno dei documenti ritrovati dal ricercatore e tradotti dal catalano. «E tra le altre cose hanno preso, rotto o gettato in mare le tretes», le concessioni per la commercializzazione ed esportazione del formaggio. La piccola saetta fu depredata di tutto il carico. Tutto ciò che invece era stato considerato privo di valore fu gettato in mare dai corsari, comprese le due preziose concessioni, essenziali per trasportare e vendere il formaggio, delle quali erano titolari i mercanti cagliaritani Joan Antoni Marty e Montserrat Tristany. L’attacco avvenne di sorpresa anche a causa dell’insufficiente apparato difensivo della zona.

È ipotizzabile addirittura che i mori avessero trascorso tutto l’inverno indisturbati nelle vicinanze della costa. Magari acquattati in qualche cala, o appostati dietro uno scoglio. A peggiorare la situazione si aggiungeva il fatto che nel 1598 a Serpentara non esisteva ancora una torre di avvistamento. Solo nel 1605 il luogotenente e capitano generale del Regno di Sardegna, Pedro Sanchez, decise di realizzare la fortificazione. «La costruzione della torre nel detto luogo dell’Isola di Serpentara era una cosa utile e conveniente e necessaria», attesta un documento dell’epoca riportato alla luce da Vacca, «considerando gli enormi danni che i nemici della nostra santa fede cattolica causano ogni giorno ai Cristiani per non aver riparo e luogo sicuro onde potersi ritirare in dette isole e nelle quali ogni giorno ci sono vascelli di nemici non visti dalla terraferma».

La Sardegna, assieme a Sicilia e Baleari, poteva essere considerata una frontiera della cristianità nel Mediterraneo occidentale. Esposta ai continui attacchi barbareschi, bersaglio delle scorrerie che partivano dalla costa africana. Khair ed-Din detto “il Barbarossa” o Torghoud Dragut erano nomi che evocavano terrore. «Numerosi i Sardi, pescatori o abitanti della costa, che rapiti dai Barbareschi, andavano ogni anno ad ingrossare le file degli sventurati prigionieri o dei ricchi rinnegati ad Algeri», raccontava Fernand Braudel nel celebre Civiltà e imperi del Mediterraneo nell’età di Filippo II (Einaudi).

Tra i tanti che abbracciarono la religione islamica dopo essere stati catturati dagli arabi, ci fu anche Hassan Agà, pastorello dell’isola di Asinara. Venne fatto prigioniero dal Barbarossa mentre portava al pascolo il gregge. Ma in poco tempo diventò pupillo e luogotenente del famoso corsaro di Algeri. Non a tutti però era riservato il trattamento speciale del giovane sardo. Molti dei deportati erano ridotti in schiavitù, come capitò a Miguel de Cervantes, l’autore di Don Chisciotte, poi liberato in seguito al pagamento di un riscatto.

Oltre le coste, le spedizioni corsare affliggevano anche l’entroterra. Diversi i paesi del Campidano esposti verso il Golfo di Oristano ad essere raggiunti dai barbareschi: Terralba, Arcidano, Pabillonis, il villaggio scomparso di Bonorcili vicino a Mogoro. Uras fu letteralmente devastata dai predoni del mare. Una lapide in sardo ricorda la “visita” del Barbarossa: «A 5 de arbili 1546 esti istada isfatta sa villa de Uras de manus de turcus e morus effudi capitanu de morus Barbarossa». È anche vero però che questa immagine dell’arabo crudele ammazza cristiani in parte è stata costruita dai predicatori incaricati di riscuotere le imposte a sostegno della politica spagnola in nord-Africa, in parte era basata sulla misconoscenza e sul pregiudizio verso un nemico lontano e diverso. A ben vedere l’impero ottomano era più accogliente verso gli “infedeli” rispetto al mondo mediterraneo cattolico.

Cristiani ortodossi ed ebrei in fuga dalla Spagna o da Venezia spesso si rifugiavano nei più tolleranti territori arabi. Tuttavia l’odio ideologico della Cristianità verso l’arabo era diffusissimo e pochissimi la pensavano come il filosofo calabrese Tommaso Campanella, auspice nel 1599 di un intervento liberatore musulmano nel Regno di Napoli allora sotto il controllo spagnolo, e per questa ragione arrestato.

A parte sbattere in cella cospiratori come Campanella, dopo il 1574, anno della caduta di La Goletta sotto controllo islamico, una delle principali preoccupazioni della Spagna di Filippo II era quella di rafforzare i presidi del Mediterraneo occidentale. In questo “piano di difesa organico” viene inserita anche la Sardegna, spiega Giuseppe Mele, storico dell’Università di Sassari e autore del recente Torri e cannoni (Edes). Nonostante il suo modesto peso economico e demografico, ma non strategico, l’isola è interessata dal notevole intervento di irrobustimento difensivo.

In più a Madrid si temeva anche il peggio. Si riteneva imminente un’invasione turca della Sardegna, fatto che spiega l’intensificazione dei lavori, il via vai di ingegneri militari nelle principali piazzeforti, la creazione di una struttura amministrativa centralizzata. L’invasione non ci fu ma le incursioni dal mare proseguirono. Serpentara è un esempio. Come un esempio sono gli attacchi tunisini a Carloforte, Sant’Antioco, Capo Carbonara sino ai primi anni dell’Ottocento, con annessi saccheggi e prigionieri. In seguito all’assalto all’isola tabarchina, nel 1799, furono catturati tutti gli abitanti. Più di 900 persone trasportate e tenute come schiavi in Tunisia. La liberazione arrivò solo dopo che il papa, i Savoia e altri sovrani cattolici, pagarono il consueto riscatto.



pdf L'articolo nella pagina dell'Unione Sarda
Inserisci un commento
Nome:
Email:
La tua email non sarà pubblicata
Commento:
  Il tuo commento sarà visibile solo dopo essere stato approvato.
Condividi:
Altri articoli
Storia
Gli scritti del cavaliere dei Rossomori
Ripropongo questo mio breve ritratto di Emilio Lussu, pubblicato su L'Unione Sarda nel 2008, in occasione della presentazione del ...
Storia
La Sardegna cristiana del Marco Polo d’Oriente
Partito a cavallo da Tangeri nel 1325, Ibn Battuta aveva deciso di raggiungere la tomba del profeta Maometto. All’epoca era un ventenne appartenente a una famiglia di notabili e giuri...
Storia
Rom e Sinti,l’Olocausto dimenticato
Gli zingari uccisi da Hitler nell’Europa della seconda guerra mondiale furono oltre 90mila. A questi si aggiunga una quantità di vittime provenienti da Unione Sovietica, Serbia ...

© 2019 Tutti i contenuti di questo sito sono di proprietà di Walter Falgio
Powered by Cristianomattana.it
Licenza Creative Commons
Quest'opera é distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.