walterfalgio.it
I partigiani Nino Garau
I partigiani Nino Garau "Geppe" (a destra) e Gilberto Galli "Natale". Modena, 1945
Libro Issasco, La Sardegna e la guerra di Liberazione

(29 aprile 2018) La Sardegna e la guerra di Liberazione. Studi di storia militare, a cura di Daniele Sanna, per FrancoAngeli editore, è il titolo che inaugura la collana "Sardegna contemporanea" promossa dall'Issasco, presentato in anteprima a Oristano il 25 aprile scorso.  

 
Si tratta di un lavoro collettivo, incentrato sulla sorte dei militari sardi tra l'8 settembre 1943 e il 25 aprile 1945 e sull'apporto da loro fornito alla causa della Resistenza. La presenza e la riorganizzazione di una grande massa di truppe, che dopo l'armistizio ha inciso sulle dinamiche politiche del territorio isolano, apre nuovi scenari di ricerca, sul piano della storia militare, in primis, ma anche riguardo a una più generale lettura delle implicazioni sociali a livello locale. Lo studio dell'Issasco, lungi dall'essere un'indagine esaustiva, intende proporre alcuni spunti di riflessione su questo specifico profilo che saranno ulteriormente scandagliati e sviluppati.

Furono numerosi i reparti inviati dall'isola a combattere al fianco degli Alleati verso la Linea Gustav e la Linea Gotica, mentre molti soldati sardi, che già si trovavano in continente, diedero un contributo decisivo alla Liberazione: sia quelli sbandati, che furono anche vittime della barbarie nazista, come nel caso dei martiri di Sutri, sia quelli che operarono nelle bande partigiane. Le vicende del comandante Geppe, Nino Garau, che guidò la brigata "Casalgrandi" nel Modenese, o del colonnello Luigi Cano, che combatté nella Capitale, sono ricostruite nel libro, insieme alla complessa evacuazione tedesca dall'isola e al fatto di sangue di Oniferi sinora mai indagato. Il filo rosso che lega l'antifascismo sardo alla Resistenza è testimoniato altresì dall'alto numero di brigate partigiane dedicate a Gramsci, a dimostrare quanto fosse stretto il legame fra il leader comunista di Ales e il Movimento di Liberazione. Questo, in estrema sintesi, l'oggetto degli scritti di Francesco Ledda, Giuseppe Manias, Daniele Sanna, Giuseppe Sassu, oltreché del sottoscritto.

La Collana dell'Issasco, il cui comitato scientifico è diretto da Alberto De Bernardi e da Francesco Soddu, intende promuovere un confronto aperto a nuovi contributi di studiosi che si affacciano nell'ampio ambito di indagine sulla Resistenza e sull'antifascismo e sulle articolate specificità storiche e culturali dell'isola. La storia delle donne, la storia militare, dei movimenti, ma anche il dibattito sull'autonomia sarda, sulla programmazione, sull'industrializzazione o sulle tematiche dell'emigrazione, sono alcuni aspetti e contenuti privilegiati di questo progetto editoriale.

(walter falgio)

 

Copertina del libro  

MediterRadio Radio Rai di Vito Biolchini (11'25")    

Sardiniapost di Francesca Mulas 



Inserisci un commento
Nome:
Email:
La tua email non sarà pubblicata
Commento:
  Il tuo commento sarà visibile solo dopo essere stato approvato.
Condividi:
Altri articoli
Interventi
I fantastici pugni di Davide
(23 ottobre 2017) Ciao Davide, io so chi sei. Un ragazzo eccezionale. Un artista, un uomo forte e determinato, sensibilissimo alla vita e alle parole dell'altro. Abbiamo condiviso...
Interventi
Porrajmos e pregiudizio, gli studi di Luca Bravi
(2 maggio 2017)†Luca Bravi, storico, studioso della persecuzione e dello stermino di rom e sinti sotto ...
Interventi
La vicenda dei Govoni e la memoria divisa
(6 gennaio 2017) "Quando cominciai a pensare a questo libro, mi capitÚ tra le mani un'antologia di una rivista partigiana,†Patria indipendent...

© 2018 Tutti i contenuti di questo sito sono di proprietà di Walter Falgio
Powered by Cristianomattana.it
Licenza Creative Commons
Quest'opera é distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.