walterfalgio.it
Frontespizio
Frontespizio "Aladino" di Corrado Govoni (1946)
La vicenda dei Govoni e la memoria divisa
(6 gennaio 2017) "Quando cominciai a pensare a questo libro, mi capitò tra le mani un'antologia di una rivista partigiana, Patria indipendente. C'era una poesia". Chi scrive è Alessandro Portelli, nel suo L'ordine è già stato eseguito: Roma, le Fosse Ardeatine, la memoria, riferendosi al componimento Aladino. Lamento su mio figlio morto (Mondadori 1946) che Corrado Govoni dedica allo stretto congiunto trucidato alle Fosse Ardeatine. L'ho riletto in questi giorni, riflettendo sulla persistenza del concetto di memoria divisa. "Non sapevo ancora chi fosse Aladino Govoni; di Corrado Govoni sapevo che era un poeta fra crepuscolarismo e futurismo", continua Portelli. "Poche settimane dopo, in epigrafe a un libro di destra - Pierangelo Maurizio, Via Rasella. Cinquant'anni di menzogne - trovo altri versi: stesso autore, Corrado Govoni; stesso titolo, Aladino".

Nella prima citazione compare una parte dello scritto di Govoni riferito al carnefice tedesco:
Quanto poté durare il tuo martirio
nelle sinistre fosse Ardeatine
per mano del carnefice tedesco
ubbriaco di ferocia e di viltà? [LVI, 78]

Nella seconda uno stralcio che invece richiama la viltà del partigiano
Il vile che gettò la bomba nera
di Via Rasella, e fuggì come una lepre,
sapeva troppo bene quale strage
tra i detenuti di Regina Coeli
a via Tasso, il tedesco ordinerebbe:
di mandante e sicario unica mira. [XLVI, 65]

"La categoria della 'memoria divisa' è oggi una pietra angolare del discorso sulla guerra, la resistenza, le stragi naziste", osserva lo storico Alessandro Portelli. Ma in questo caso, nel caso di Govoni, si assiste a una cesura tutta interna alla medesima esperienza umana. "Non si stratta di due poesie contrapposte, ma di una stessa poesia nello stesso libro", sempre Portelli. E aggiunge che il modo per alterarne il significato, mistificarne il senso, di privare la poesia di un'interpretazione, "è farla a pezzi, e spartirsela prendendosi ognuno il pezzo che gli fa comodo".

La vicenda di Govoni è inscritta in un orizzonte molto significativo e la lettura del suo Lamento oggi è decisamente illuminante. Corrado, il padre di Aladino, è stato poeta molto fecondo (qui la voce del Dizionario biografico). Resta ambigua la sua prossimità al fascismo sebbene lui stesso nel settembre del 1943 confessasse a Giovanni Papini di "aver creduto, piuttosto tardi e solo per un certo periodo" in Mussolini. Gli dedicò opere apologetiche contraccambiate da "qualche migliaia di lire buttate in faccia come elemosina, accettate per necessità, pagate con vergognose anticamere [e] affannoso salire e scendere scale di redazioni di giornali e di ministeri...", ricostruisce sempre Portelli dalla missiva, e ancora: "Non è stato mai fascista mio nonno - testimonia Flavio Govoni in L'ordine è già stato eseguito - ; ha se vogliamo scritto dei poemetti, per cercare di poter campare, ma è stato un uomo sfortunato, non ha mai avuto una grossa fortuna nemmeno dal punto di vista poetico, e quindi questa cosa gli si ritorse contro, diventò comunque un poeta bollato come poeta fascista, e questo discordava molto dalla posizione del figlio".

Aladino Govoni, caduto nella strage del 24 marzo del '44, ufficiale di complemento nei Granatieri di Sardegna, dopo l'8 settembre aveva combattuto contro i tedeschi alla Cecchignola e a Porta San Paolo. Catturato nel febbraio del '44 fu torturato e poi massacrato alle Fosse Ardeatine. Gli è stata conferita la Medaglia d'oro al valor militare, la città di Roma gli ha dedicato una strada.

Corrado lo piange con un poema fortissimo, dove dichiara vendetta al "feroce capitano Keller", allo stesso Kappler, "lo schifoso biondo che porta nella gota la frustata dello sputacchio di una cicatrice, al tenente Marini, "l'assassino che da Regina Coeli i morituri chiamò fuori per nome": si trattava di Mauro de Mauro sotto falso nome. Lo stesso Govoni lo rimarca in una nota a margine: "Il sedicente tenente Marini, è la spia e collaboratore delle S.S. Mauro de Mauri, uno degli esecutori dei martiri delle Fosse Ardeatine, naturalmente ancora libero come tante altre spie e infami dell'esecrando vile oppressore tedesco". (De Mauro fu prima condannato in contumacia e poi assolto con formula piena ai processi per "collaborazionismo").

Pertanto, i fatti dei Govoni riportano a una considerazione decisiva, non solo nell'ambito dell'analisi storica - come nei contesti a cui si è fatto accenno - ma anche sotto i profili intimi del ricordo. Sergio Luzzato, nipote di un ebreo perseguitato, sintetizza con decisione ne La crisi dell'antifascismo: "Se parliamo di memoria, io desidero e pretendo che la mia e quella di Vivarelli (Roberto Vivarelli, contemporaneista, figlio di fascista ucciso dai partigiani jugoslavi nel '42, lui stesso 'ragazzo di Salò') restino memorie divise. Si tenga pure, lui, la memoria di suo padre squadrista, marciatore su Roma, volontario di tutte le guerre del duce; si tenga la memoria di se stesso, imberbe volontario delle brigate nere. Io mi tengo la memoria del nonno che non ho mai conosciuto: del medico che perse, dopo la cattedra universitaria, ogni diritto di curare pazienti "ariani", prima di nascondersi a Lucca come un topo braccato per sfuggire ai risultati estremi della persecuzione razziale". Di contro, "Il rischio di una memoria condivisa è una 'smemoratezza patteggiata', la comunione della dimenticanza".

(walter falgio)

- Sulla storia di Corrado e Aladino Govoni segnalo anche un bel servizio firmato da Sante Maurizi per La Nuova Sardegna    



Commenti inviati
Massimiliano Rais ha scritto Venerdi, 03 Febbraio 2017 alle ore 12:07

Caro Walter, ho letto con grande interesse il tuo breve saggio ricco di spunti e riflessioni. Hai, in modo pregevole, toccato un nervo scoperto della nostra storia e della nostra memoria "divisa". E hai opportunamente richiamato la vicenda dimenticata dei Govoni. Vicenda esemplare di un´Italia in cui si Ŕ verificato un conflitto con le caratteristiche di una "guerra civile". Sono convinto che le due memorie non siano sullo stesso piano. La memoria antifascista, partigiana, resistenziale ha una nobiltÓ e un valore immenso: Ŕ il fondamento della nostra libertÓ e della nostra democrazia. E´ un dato oggettivo, indiscutibile. Antifascismo e Resistenza sono le nostre radici. Trovo assurdo che di fronte a un dato cosi´ netto e incontrovertibile possano esistere ancora due memorie. La vicenda di Corrado e Aladino Govoni travalica l´ambito privato e familiare aiuta tutti a individuare la strada giusta, non dico per una ricomposizione delle differenze ma per una maggiore reciproca comprensione. L´Italia ha bisogno, pur nella logica della contrapposizione politica e ideologica, di ritrovare unitÓ sui valori essenziali e fondanti. "La memoria -scrive il poeta Octavio Paz- non Ŕ cio´ che ricordiamo ma cio´ che ci ricorda. La memoria Ŕ un presente che non finisce mai di passare". Complimenti e un abbraccio. Massimiliano

Inserisci un commento
Nome:
Email:
La tua email non sarà pubblicata
Commento:
  Il tuo commento sarà visibile solo dopo essere stato approvato.
Condividi:
Altri articoli
Non specificati
Porrajmos e pregiudizio, gli studi di Luca Bravi
(2 maggio 2017) Luca Bravi, storico, studioso della persecuzione e dello stermino di rom e sinti s...
Non specificati
Assemblea dell'Istituto per l'Antifascismo
(9 ottobre 2016) Venerdì 14 ottobre alle ore 16.30, nella sede dell'associazione "Gramsci", in via Doberdò 101 a Cagliari, è stata convocata l'assem...
Non specificati
25 Aprile, ciclo di incontri dell'Issasco
(21 aprile 2016) Guerra, Antifascismo, rimozioni. Questi i temi del ciclo di incontri promosso dall'Issasco, Istituto sardo per la storia dell'Antifascismo e della società contemporanea...

© 2017 Tutti i contenuti di questo sito sono di proprietà di Walter Falgio
Powered by Cristianomattana.it
Licenza Creative Commons
Quest'opera é distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.