walterfalgio.it
Lu Pesce vive
Lu Pesce vive
Per Lu Pesce bastava meno di una telefonata

(5 novembre 2013) Breve storia di ordinaria amministrazione (carceraria). Lu Pesce era un ragazzone che nel quartiere non hanno dimenticato. Aveva una forza fuori dal comune e fuori dal comune era la sua voglia di evadere. Voleva scappare da quella cella bassa e stretta tappezzata di pregiudizi, ignoranza e perbenismo che, se non rispetti gli schemi, il quartiere ti costruisce intorno.

Poi, Lu Pesce, in cella c'è finito davvero. Ed è lì che l'ho conosciuto, quando con Gisella Vacca e Riccardo Combet, mettemmo in scena lo spettacolo interpretato dai detenuti del carcere minorile di Quartucciu. Ricordo la sua voglia di partecipare, di essere in prima fila, di risolvere tutti i problemi: "Quella piantana la porto io, Walter". "Posso montare il faro?". "Dai, scarichiamo le panche".

Lu Pesce era un punto di riferimento anche per gli altri, aveva un suo modo irruento di stare al mondo, non si accontentava, voleva raggiungere una meta che forse non esisteva. Una sera, dopo uno spettacolo, seduti attorno a un tavolo, si parlava di Clint Eastwood e di Fuga da Alcatraz, dei grandi miti della cinematografia carceraria. Lui sorrideva e lo ricordo bene quel sorriso grande da bambino cresciuto in fretta. Gli avevo promesso una cartolina, da Alcatraz, se mai ci fossi andato.

Ma la notte si torna in cella. E in cella a 18 anni è difficile stare. In cella ti tagli le braccia per finire in infermeria. In cella ti droghi. In cella muori. Lu Pesce ha sbagliato, è vero. Ha commesso crimini anche gravi. Ha accumulato tantissima rabbia e ha ingurgitato palmi di psicofarmaci. Quindi è arrivato nel carcere dei grandi e lì, come tanti altri, l'ha fatta finita.

Forse bastava poco per salvarlo. Molto meno di una telefonata.

(walter falgio)

*Ho scritto queste righe dopo aver letto il post di Sergio Di Cori Modigliani ripreso dagli amici della "Don Chisciotte".

 

Lu Pesce vive



Inserisci un commento
Nome:
Email:
La tua email non sarà pubblicata
Commento:
  Il tuo commento sarà visibile solo dopo essere stato approvato.
Condividi:
Altri articoli
Interventi
La storia rimossa dei bibelforscher, i testimoni di Geova perseguitati dal nazismo
(30 gennaio 2021) Claudio Vercelli, torinese, docente di storia dell'ebraismo all'universitÓ Cattolica di Milano, studioso dell'Europa contemporanea, dei totalitarismi novecenteschi e del Medio O...
Interventi
Geppe e il suo fiume
(29 luglio 2020) Il fiume Panaro bagna Spilamberto e quelle pietre accanto alla foto di Nino Garau e sopra la sua bara provengono dalle sue sponde. Le ha portate a Cagliari il 16 luglio Umberto Costan...
Interventi
Ciao Nino
(12 luglio 2020) Il comandante partigiano Nino Garau, nome di battaglia Geppe, è morto questa sera, 12 luglio, nella sua casa di Cagliari. Avrebbe compiuto 97 anni il prossimo 12 dicembre. Ci l...

© 2021 Tutti i contenuti di questo sito sono di proprietà di Walter Falgio
Powered by Cristianomattana.it
Licenza Creative Commons
Quest'opera é distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.