walterfalgio.it
Buggerru, miniere
Buggerru, miniere
Le miniere di Buggerru come le prigioni zariste
L´Unione Sarda - Sabato, 18 Dicembre 2004

Minatori

All’indomani dell’eccidio di Buggerru, il quotidiano di Varese La Prealpina descriveva la tragedia dei minatori sardi accanto alle cronache della guerra russo-giapponese. Due eventi apparentemente molto distanti. Da una parte uno sciopero spontaneo, represso nel sangue dalle truppe del Regno d’Italia. Dall’altra l’esercito degli Zar che soccombeva dinanzi alla nascente potenza mondiale nipponica. Eppure non si trattava di un accostamento  arbitrario. «Le miniere sarde e la Russia zarista del 1904 erano due prigioni dei popoli. I minatori sardi e quelli  degli Urali condividevano le stesse sorti di una manodopera derelitta e sfruttata », spiega la storica della Russia Giannarita Mele. Degrado ed emarginazione sociale rappresentavano il loro destino comune. E lo sciopero generale, che di lì a poco avrebbe fatto ingresso nella storia d’Italia, era lo strumento di lotta più forte ed  efficace che, in tempi e forme diverse, avrebbe associato ancora una volta i lavoratori della Malfidano con quelli di San Pietroburgo.

Sardegna ed Europa nel primo decennio del Novecento. Il confronto sullo sciopero generale nel movimento socialista internazionale, è il tema del convegno di studi tenuto a Cagliari mercoledì e giovedì durante il quale la professoressa Mele ha parlato di rivoluzione antizarista in Russia. Promossa dal Dipartimento
di studi storici dell’Università di Cagliari, dal Dottorato di ricerca in storia moderna e contemporanea e dalla Fondazione “Giuseppe Di Vittorio”, l’iniziativa ha coinvolto diversi studiosi dell’ateneo sardo e delle Università di Milano, Roma “La Sapienza” e Teramo. Il Comune di Buggerru, la Fondazione Siotto e l’Istituto sardo per la storia della Resistenza hanno partecipato attivamente all’organizzazione. Filo conduttore dell’incontro, le molteplici forme di declinare lo sciopero generale riguardo ai molteplici casi nazionali europei all’alba del Novecento. Con al centro il tema della Sardegna e del suo impatto con la modernità causato dall’industria mineraria. «In un’isola ancorata alla civiltà agropastorale, tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, la miniera porta anche un moderno soggetto storico: il proletariato industriale, protagonista dello sviluppo democratico e civile della società novecentesca», esordisce il direttore del Dipartimento di studi storici Claudio Natoli.

A lui petta anche la premessa di metodo: «Il nostro intento è sempre quello di coniugare la conoscenza storica con l’impegno civile, in un rapporto vivo ma non strumentale con il presente e specialmente nella piena  salvaguardia dell’autonomia della ricerca». Dopo i saluti del sindaco di Buggerru, Giovanni Degortes, e dei rappresentanti sindacali dei minatori, Franco Orrù e Gigi Manca, il contemporaneista Adolfo Pepe, preside della facoltà di Scienze politiche di Teramo, spiega perché gli eventi di Buggerru hanno pesato in maniera così significativa sulla storia politica italiana. «Un avvenimento accaduto in una realtà neocoloniale come poteva essere la Sardegna di quegli anni, si trasforma in un evento simbolo che caratterizzerà tutta la storia del  Novecento». Il 4 settembre 1904 la fanteria accorsa su richiesta del direttore della miniera di Buggerru, Achille Georgiades, sparò sui minatori che scioperavano a causa delle inumane condizioni di lavoro e che chiedevano una riduzione dell’orario. Morirono in quattro: Felice Littera, Salvatore Montixi, Giustino Pittau e Salvatore Pilloni. Le organizzazioni dei lavoratori di Milano, in seguito a questi fatti, proclamarono il primo sciopero  generale della storia italiana.

«Con il 1904 si chiude il periodo della svolta giolittiana che era stato aperto a sua volta da un’altra mobilitazione generale, quella dei portuali di Genova del 1900 che protestavano contro la  paventata chiusura della Camera del lavoro», continua Pepe. Lo sciopero come «atto di solidarietà e forma di azione simbolica con una forte valenza di potere», in questo caso rappresenta un evento fondamentale, uno
spartiacque tra due fasi decisive della storia italiana del Novecento. E ancora oggi questa forma di lotta non è cambiata. L’azione diretta dello sciopero ha attraversato un secolo indenne «nonostante si tenti sempre più spesso di cancellare la centralità del lavoro dall’agenda politica del Paese», nota il presidente della Fondazione Di Vittorio Carlo Ghezzi. Lo stesso Natoli presenta poi una comparazione tra le esperienze di sciopero di massa in Austria e Germania, incentrate sull’ottenimento del suffragio universale e della tutela dei diritti dei lavoratori. Francesco Giasi della Fondazione Di Vittorio parla dell’importante caso belga e delle mobilitazioni operaie senza
precedenti del 1893 che coinvolsero ampi strati della popolazione. Anche in questo caso la protesta era mirata all’ottenimento del suffragio universale. Friedrich Engels paragonerà gli eventi belgi ad una marea crescente.

Di socialismo e sindacalismo rivoluzionario in Francia nel primo decennio del Novecento discute Giorgio Caredda dell’Università “La Sapienza”, mentre Luciano Marrocu, docente all’ateneo cagliaritano, presenta i suoi studi sul movimento laburista inglese. Una intera sessione del convegno è stata dedicata alla proiezione di un film italiano del 1987 sulla storia dei minatori sardi e poco conosciuto: Noistottus di Piero D’Onofrio e Fabio Vannini. «Un lavoro singolare dal punto di vista espressivo, dove coesistono diverse opzioni narrative», dice lo storico del cinema David Bruni. Il film comunica all’antropologo Giulio Angioni un senso di lontananza da un mondo
che non esiste più: «La sola cosa che rimane dell’esperienza mineraria che pare finita in un buco nero
è Carbonia, città di frontiera, multietnica e con una forte identità, sicuramente più forte di quella dei cagliaritani
». Lo storico Gian Giacomo Ortu conclude che «i gruppi capitalistici che hanno promosso e controllato l’attività mineraria in Sardegna erano estranei all’Isola. Per questo motivo l’industria estrattiva non ha fertilizzato il territorio, ma lo ha solo isterilito e svuotato». A parte un non bene identificato Parco geominerario, che cosa resta al posto dei vecchi pozzi? «Per esempio l’Università», dice il rettore Pasquale Mistretta. «L’Università è presente in quel territorio e continua a esportare tecnologie in Cile e in Perù», dove le miniere non sono state condannate a morte.



pdf Le miniere di Buggerru come le prigioni zariste
Inserisci un commento
Nome:
Email:
La tua email non sarà pubblicata
Commento:
  Il tuo commento sarà visibile solo dopo essere stato approvato.
Condividi:
Altri articoli
Storia
Gli scritti del cavaliere dei Rossomori
Ripropongo questo mio breve ritratto di Emilio Lussu, pubblicato su L'Unione Sarda nel 2008, in occasione della presentazione del ...
Storia
La Sardegna cristiana del Marco Polo d’Oriente
Partito a cavallo da Tangeri nel 1325, Ibn Battuta aveva deciso di raggiungere la tomba del profeta Maometto. All’epoca era un ventenne appartenente a una famiglia di notabili e giuri...
Storia
Rom e Sinti, l’Olocausto dimenticato
Gli zingari uccisi da Hitler nell’Europa della seconda guerra mondiale furono oltre 90mila. A questi si aggiunga una quantità di vittime provenienti da Unione Sovietica, Serbia e Ungheria, ...

© 2019 Tutti i contenuti di questo sito sono di proprietà di Walter Falgio
Powered by Cristianomattana.it
Licenza Creative Commons
Quest'opera é distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.